mariofblogo.jpg

Bici Radar

banner2-be.jpg



Facebook share

CB Login

Chi e' online

Abbiamo 34 visitatori online

Cerca

Vendonsi abbigliamento epoca

001.jpg

Vendonsi scarpe vintage anni'70

001scarpe01.jpg

Facebook Bici D'Epoca

001facebook.jpg
 
 facebook 

Vendonsi Caschi vintage

001caschivintage10.jpg
Caschi vintage anni'70-'80 

Vendonsi occhiali vintage

La "Classicissima d'Epoca" 2016

0001.jpg

Vendonsi Bicicli-Grand-Bi

grandbi001.jpg  
Per informazioni e prenotazioni
clicca sull'immagine sopra

Giro D'Italia D'epoca 2014

 
CALENDARIO  
 
G.I.D.E. - V edizione 
 
LE TAPPE

  giroepoca.png
 
 

Tariffa Migliore

bollette.png

Tutti gli annunci gratis!!

manifestobicidepoca-001.gif
Per pubblicare o rispondere
agli annunci
REGISTRATI è gratis

Ciclismo eroico

a cura di Carlo Delfino
001carlodelfino.jpg

I campioni del ciclismo

a cura di Gianni Trivellato
001trivellato.jpg

I Girini sconosciuti

  a cura di Giampiero Petrucci 
 
001giampietropetrucci.jpg
 
La nostra redazione, in collaborazione con Giampiero Petrucci, il noto storico di ciclismo, dato l'avvicinarsi del Giro d'Italia, decide di dedicare un'apposita rubrica ai girini più sconosciuti, riprendendo ed ampliando quanto apparso sul fortunato libro W tutti (edito da Bradipolibri)  che sta avendo un grande successo editoriale nonchè recensioni entusiaste.

Ciclisti eroici

a cura di Leonardo Arrighi
001leonardoarrighi.jpg

Vendonsi biciclette vintage

001.jpg

Registro Storico Cicli

001registrostoricocicli.jpg

Ciclismoinminiatura

001ciclismoinminiatura.jpg

Decadence blogspot

La Repubblica

Meteo e Previsioni del tempo

meteologo.jpg

Francesco Moser

moser001.jpg

Rubrica: tecniche di restauro

001.jpg
La visione solo utenti registrati

Accessori e ricambi d'epoca

La visione solo per utenti registrati.

Ciclismo estremo

giulianocalore001.jpgsimone003.jpg
  
 
 
 

Videoteca Bici D'Epoca

 
video.png

Videoclip: Vendesi Bici Squadra Corse Bianchi 1954

Pedalando sempre più in alto.....

Vendesi bici della Squadra Corse Bianchi 1954

    Vendesi  bici Bianchi della Squadra Corse Bianchi 1954 (N° telaio 99.9033 cm 54x54) La bici con cui corse Michele Gismondi ....fedele gregario di Faus...
Read More ...

Nuove Maglie Vintage

Vendonsi Nuove Maglie Vintage ...
Read More ...

Vendonsi maglie d'epoca (repliche)

      Vendonsi   Maglie d'Epoca (repliche)   ante anni '30     Abbiamo disponibili maglie vi...
Read More ...

Syndication

CB Online

Nessun utente online

Bici d'Epoca

Pedalando nella storia

copertina.gif
La visione utenti registrati
Home
Recensioni libri: Giannetto Cimurri PDF Stampa E-mail
000001.jpg
  

 
NEWS
 
   La " mano santa " dei campioni
 
GIANNETTO CIMURRI 
 
autore Paolo Alberati
recensione di Carlo Delfino 
 
giannettocimurri.jpg   
La copertina del libro di Paolo Alberati edito da Giunti 
 
Cimurri, un nome e una garanzia. Parlare di lui nel ciclismo è come parlare di Domenico Modugno nella storia della musica leggera. Un MITO, per un termine troppe volte usato a sproposito.
 
Che fortuna che ha avuto Paolo Alberati, ad aver la possibilità di scartabellare tra le 5000 foto che la famiglia, gli amici e i campioni gli hanno messo a disposizione! Che meraviglia poter consultare l’archivio Panizzi e farne un libro che non parla solo di ciclismo e di storia del pedale ma che racconta i fermenti e gli aspetti positivi del nostro paese!!! Cimurri, era la “mano santa” per eccellenza.
 
giannettocimurri001.jpg
Giannetto Cimurri massaggia nel dopo gara Fiorenzo Magni  
 
Fiorenzo Magni dice che “Cimurri era capace di massaggiarti anche l’anima”. Più che massaggiatore era “soigneur”, termine francese che significa colui che si prende cura di… Praticamente, come scrisse Ermanno Mioli centrando l’obbiettivo, un “Buon Samaritano” per tutta la vita. La gente era convinta che avesse delle mani prodigiose che curassero tutti i mali. Però la prima lezione “terapeutica” a Cimurri, neofita del massaggio, la diede Giuseppe Pancera, un gran routier che nessuno, neppure le cronache ricordano più.
 
Ebbene, Pancera dopo una tappa del Giro 1927 viene avvicinato da Cimurri voglioso di manifestare la sua bravura nel massaggio. Ma Pancera gli fa capire che la sua principale preoccupazione dopo una corsa è “il mangiare”. Ecco quindi, serviti dall’oste, materializzarsi, come in un racconto evangelico, pane e vino che Pancera ingurgita in un amen. Nel frattempo gli racconta come si è svolta la corsa, gli racconta le proprie amarezze e si sfoga con lui. Gli getta poi sul tavolo le sue aspirazioni.
 
Cimurri capì la lezione al volo: il ciclismo, grondante di cose semplici e di quotidianità, sarebbe stato il suo futuro. Cimurri avrebbe condiviso soprattutto gioie e dolori con gli atleti e con tutti quanti si fossero affidati alle sue cure. Naturalmente partì dai più umili, che poi furono invece quelli che gli insegnarono di più…si prese cura dei diseredati, dei molti isolati che in quelli anni tentavano la sorte iscrivendosi al Giro. Cimurri “isolato” tra gli “isolati”. Li faceva parlare, sfogare e la fatica si scioglieva con lo sfogo e con la rabbia raccontata. Ecco dove ha imparato a massaggiare l’anima.
 
giannettocimurri002.jpg
Il massaggiatore Cimurri attacca il numero
di gara a Gino Bartali  
 
Ma il libro, curato con rara maestria da Paolo Alberati che ha il pregio di non ricorrere mai al copia-incolla, racconta anche le sue attività nel commercio, nel calcio, nel pugilato e con le persone di tutti i giorni, mentre il ciclismo, come dice Giorgio Maioli da “eroico stava diventando epico”.
 
Col fratello Abramo, complice e collega, piano piano entrò in contatto con i campioni: Vicini, Cottur, Servadei e poi le nazionali, il Tour, la pista, Coppi e Bartali. Una vita nello sport, insomma. Infatti fino agli anni novanta Cimurri ha vissuto, frequentato e raccontato il ciclismo. Quanto ci farebbe comodo nel ciclismo di oggi qualche Cimurri in più e qualche stregone in meno….
 
< Prec.   Pros. >