mariofblogo.jpg

Bici Radar

banner2-be.jpg



Facebook share

CB Login

Chi e' online

Abbiamo 15 visitatori online

Cerca

Vendonsi abbigliamento epoca

001.jpg

Vendonsi scarpe vintage anni'70

001scarpe01.jpg

Facebook Bici D'Epoca

001facebook.jpg
 
 facebook 

Vendonsi Caschi vintage

001caschivintage10.jpg
Caschi vintage anni'70-'80 

Vendonsi occhiali vintage

La "Classicissima d'Epoca" 2016

0001.jpg

Vendonsi Bicicli-Grand-Bi

grandbi001.jpg  
Per informazioni e prenotazioni
clicca sull'immagine sopra

Giro D'Italia D'epoca 2014

 
CALENDARIO  
 
G.I.D.E. - V edizione 
 
LE TAPPE

  giroepoca.png
 
 

Tariffa Migliore

bollette.png

Tutti gli annunci gratis!!

manifestobicidepoca-001.gif
Per pubblicare o rispondere
agli annunci
REGISTRATI è gratis

Ciclismo eroico

a cura di Carlo Delfino
001carlodelfino.jpg

I campioni del ciclismo

a cura di Gianni Trivellato
001trivellato.jpg

I Girini sconosciuti

  a cura di Giampiero Petrucci 
 
001giampietropetrucci.jpg
 
La nostra redazione, in collaborazione con Giampiero Petrucci, il noto storico di ciclismo, dato l'avvicinarsi del Giro d'Italia, decide di dedicare un'apposita rubrica ai girini più sconosciuti, riprendendo ed ampliando quanto apparso sul fortunato libro W tutti (edito da Bradipolibri)  che sta avendo un grande successo editoriale nonchè recensioni entusiaste.

Ciclisti eroici

a cura di Leonardo Arrighi
001leonardoarrighi.jpg

Vendonsi biciclette vintage

001.jpg

Registro Storico Cicli

001registrostoricocicli.jpg

Ciclismoinminiatura

001ciclismoinminiatura.jpg

Decadence blogspot

La Repubblica

Meteo e Previsioni del tempo

meteologo.jpg

Francesco Moser

moser001.jpg

Rubrica: tecniche di restauro

001.jpg
La visione solo utenti registrati

Accessori e ricambi d'epoca

La visione solo per utenti registrati.

Ciclismo estremo

giulianocalore001.jpgsimone003.jpg
  
 
 
 

Videoteca Bici D'Epoca

 
video.png

Videoclip: Vendesi Bici Squadra Corse Bianchi 1954

Pedalando sempre più in alto.....

Vendesi bici della Squadra Corse Bianchi 1954

    Vendesi  bici Bianchi della Squadra Corse Bianchi 1954 (N° telaio 99.9033 cm 54x54) La bici con cui corse Michele Gismondi ....fedele gregario di Faus...
Read More ...

Nuove Maglie Vintage

Vendonsi Nuove Maglie Vintage ...
Read More ...

Vendonsi maglie d'epoca (repliche)

      Vendonsi   Maglie d'Epoca (repliche)   ante anni '30     Abbiamo disponibili maglie vi...
Read More ...

Syndication

CB Online

Nessun utente online

Bici d'Epoca

Pedalando nella storia

copertina.gif
La visione utenti registrati
Home
Learco Guerra PDF Stampa E-mail

000001.jpg

 

  

Learco Guerra

un campione di audacia.

Le sue sfide con Alfredo Binda

di Leonardo Arrighi 

 guerra001.jpg

Learco Guerra durante il Giro d’Italia 1932

Learco Guerra è stato un campione molto amato dal popolo del ciclismo. Lo spirito indomito, la spregiudicatezza e l’apparente mancanza di calcolo delle sue molteplici imprese, lo hanno inscindibilmente legato ad ogni appassionato dell’agonismo più verace.
 
Guerra nasce il 14 ottobre 1902 a San Nicolò Po (Mantova). Nel 1928 fa il suo esordio tra i ciclisti professionisti. Fino ad allora, la sua esistenza era stata contraddistinta dall’attività di muratore, dalla passione e dalla pratica calcistica; inoltre, quando decise di intraprendere l’attività agonistica, era già sposato e padre di Gino (figlio). Ciò serve a comprendere il fatto che, rispetto a molti suoi colleghi, la sua vita non si intrecciò con le due ruote fin dalla tenera età.
 
guerra002.jpg
  Learco Guerra con la maglia di campione del mondo (1931)
 
Dopo un paio di stagioni di apprendistato, nel 1930, Learco si mette in luce in modo prepotente, conquistando, alla presenza di Bruno e Vittorio Mussolini (figli del Duce), l’VIII tappa (Napoli-Roma) del Giro d’Italia. Nell’edizione del Giro di quell’anno vincerà anche l’XI tappa (Ancona-Forlì). Il confronto con il dominatore del ciclismo delle ultime stagioni, Alfredo Binda, è rimandato, in quanto il fuoriclasse varesino, come narra la storia, era stato pagato, dagli organizzatori del Giro, per non prendere parte alla manifestazione.
 
guerra003.jpg 
Learco Guerra in corsa 
 
Il Tour de France del 1930 vede Learco vincere tre tappe e raggiungere il secondo posto nella classifica finale. Alla sua prima partecipazione alla corsa francese, l’atleta mantovano si mostra subito audace e battagliero, anche quando Binda (capitano della squadra italiana) decide di ritirarsi dalla competizione. La stagione, già ricca di importanti affermazioni, è contraddistinta anche dal primo titolo italiano su strada. La gara tricolore vedrà Guerra grande protagonista anche nelle quattro edizioni successive, infatti il 1934 sancirà la conquista del quinto titolo nazionale consecutivo.
 
guerra004.jpg 
  Cimeli di Learco Guerra (esposti al museo Tazio Nuvolari
e Learco Guerra, Mantova)

 

Il 1931 vede infiammarsi la rivalità tra Guerra e Binda. Learco, dopo essere stato battuto (proprio da Binda) nello sprint della Milano-Sanremo, si aggiudica la prima maglia rosa della storia del Giro d’Italia, vincendo la I tappa (Milano-Mantova). Nella seconda frazione si ripete e consolida il suo primato. Nella terza giornata di gara, Binda strappa la leadership a Guerra, che va in crisi sul colle di Macerata. Il 19 maggio, dopo una collisione con un altro corridore, Alfredo si ritira. Il nostro atleta nei giorni successivi coglie altre due affermazioni (VII tappa: Roma-Perugia; VIII tappa: Perugia-Montecatini Terme).
 
guerra005.jpg 
  
Bicicletta di Learco Guerra (esposta al museo Tazio Nuvolari
e Learco Guerra, Mantova)
 
Preso da una vera e propria incontenibile furia agonistica, Learco esagera, non gestendo lo sforzo. Infatti il 25 maggio (con la maglia rosa) cade sfinito sulla salita della Foce e sviene. Cavanna, il suo allenatore e massaggiatore, riesce a rianimarlo e a rimetterlo in bicicletta; Guerra, sopportando immani sofferenze, giunge al traguardo di La Spezia, ma è costretto a ritirarsi, dinanzi ad una grande quantità di tifosi attoniti. Il 26 agosto dello stesso anno, a Copenhagen, si disputa il campionato mondiale su strada (in questo caso il percorso prescelto era da compiere a cronometro) su un tracciato di 172 km.
 
guerra006.jpg
Guerra offre una prestazione superba, mantenendo un ritmo di gara inavvicinabile per qualsiasi avversario, compreso Binda (giunto sesto).Nel 1932 Learco Guerra si impone in molte corse tra cui il Giro di Calabria e il Giro di Toscana. Al Giro d’Italia vince sei tappe, fornendo uno spettacolo apprezzato da giornalisti e tifosi. Anche in questa occasione non riesce a completare l’opera, vincendo la classifica finale. L’anno successivo, Learco trionfa subito nella Milano-Sanremo. Sulle strade del Giro, si verifica un episodio epocale, per quanto concerne la rivalità Guerra-Binda.
 
Dopo aver vinto già tre tappe, il 12 maggio l’atleta mantovano - a causa di un comportamento assai discutibile di Binda - cade, urtando la ruota posteriore del rivale, mentre è impegnato in una volata. A seguito della caduta Guerra sarà costretto al ritiro. Qualche settimana dopo il campione italiano si presenta al Tour de France ed ottiene cinque vittorie di tappa, giungendo secondo nella classifica finale, dietro a Speicher.
 
Nel 1934 Guerra riesce finalmente ad imporsi al Giro d’Italia. L’attesa per Learco è stata lunga, ma in questa occasione gareggia con grande autorevolezza e tenacia. Dopo la vittoria di Camusso nella I tappa, Guerra inanella cinque vittorie consecutive e veste la maglia rosa. Nella cronometro Livorno-Pisa (45 km) relega Binda (che dopo poche tappe si ritirerà) a 2’10”. Nella frazione Bari-Campobasso, il campione mantovano fora e Olmo gli sottrae il primato in classifica. Il giorno dopo, sospinto dal suo tipico ardore, Guerra vince a Teramo e annichilisce Olmo (distanziato di 9’23”).
 
guerra007.jpg 
  Learco Guerra in pista

Nelle giornate seguenti coglie quattro vittorie, ma ancora non sono sufficienti per rassicurare i sostenitori del nostro campione. Infatti nella Firenze-Bologna, Learco si stacca dai migliori sulle salite appenniniche e perde 5’22”; Camusso veste nuovamente la maglia rosa. Nella tappa a cronometro Bologna-Ferrara (59 km) Guerra stupisce ulteriormente, ricollocandosi alla testa della classifica. Nelle ultime tre prove adotterà una tattica difensiva e il 10 giugno giungerà a Milano da trionfatore (dopo aver conseguito 10 vittorie di tappa). La strabiliante stagione è impreziosita dalla vittoria del Giro di Lombardia e del Giro del Piemonte.Nei tre anni di carriera dal 1935 al 1937 (anno del ritiro) otterrà altre sei vittorie di tappa al Giro d’Italia, completando il suo cospicuo bottino di 31 affermazioni.
 
guerra008.jpg
  Learco Guerra fermo a bordo strada
(a causa di un incidente meccanico)
 
Conclusa l’attività agonistica Learco Guerra si è distinto nel ruolo di direttore sportivo, riuscendo a condurre alla vittoria del Giro d’Italia: Koblet, Clerici e Gaul.Dopo una vita costellata di sfide e vittorie, il 7 febbraio 1963, a Milano, il campione mantovano muore all’età di sessantuno anni.Learco Guerra grazie alla sua generosità e irruenza è riuscito a scrivere pagine memorabili della storia del ciclismo. In molteplici occasioni le salite lo hanno visto in difficoltà, rispetto ai migliori,ma riusciva a risorgere e a non cedere in modo definitivo. In pianura era irresistibile e potente.
 
Proprio queste sue peculiarità gli valsero il soprannome di “locomotiva umana”. Guerra, sostenuto da Costante Girardengo, è riuscito ad imporsi in modo perentorio, anche se si è trovato a doversi confrontare con un periodo ciclistico contraddistinto dallo strapotere di Alfredo Binda.Non va dimenticato anche il prestigio delle otto vittorie di tappa ottenute al Tour de France e dei suoi due piazzamenti d’onore nella corsa francese (1930 e 1933). Questi risultati maturati oltre confine, rivestono un ruolo fondamentale nel processo di internazionalizzazione del movimento ciclistico italiano.
 
< Prec.   Pros. >