mariofblogo.jpg

Bici Radar

banner2-be.jpg



Facebook share

CB Login

Chi e' online

Abbiamo 12 visitatori online

Cerca

Vendonsi abbigliamento epoca

001.jpg

Vendonsi scarpe vintage anni'70

001scarpe01.jpg

Facebook Bici D'Epoca

001facebook.jpg
 
 facebook 

Vendonsi Caschi vintage

001caschivintage10.jpg
Caschi vintage anni'70-'80 

Vendonsi occhiali vintage

La "Classicissima d'Epoca" 2016

0001.jpg

Vendonsi Bicicli-Grand-Bi

grandbi001.jpg  
Per informazioni e prenotazioni
clicca sull'immagine sopra

Giro D'Italia D'epoca 2014

 
CALENDARIO  
 
G.I.D.E. - V edizione 
 
LE TAPPE

  giroepoca.png
 
 

Tariffa Migliore

bollette.png

Tutti gli annunci gratis!!

manifestobicidepoca-001.gif
Per pubblicare o rispondere
agli annunci
REGISTRATI è gratis

Ciclismo eroico

a cura di Carlo Delfino
001carlodelfino.jpg

I campioni del ciclismo

a cura di Gianni Trivellato
001trivellato.jpg

I Girini sconosciuti

  a cura di Giampiero Petrucci 
 
001giampietropetrucci.jpg
 
La nostra redazione, in collaborazione con Giampiero Petrucci, il noto storico di ciclismo, dato l'avvicinarsi del Giro d'Italia, decide di dedicare un'apposita rubrica ai girini più sconosciuti, riprendendo ed ampliando quanto apparso sul fortunato libro W tutti (edito da Bradipolibri)  che sta avendo un grande successo editoriale nonchè recensioni entusiaste.

Ciclisti eroici

a cura di Leonardo Arrighi
001leonardoarrighi.jpg

Vendonsi biciclette vintage

001.jpg

Registro Storico Cicli

001registrostoricocicli.jpg

Ciclismoinminiatura

001ciclismoinminiatura.jpg

Decadence blogspot

La Repubblica

Meteo e Previsioni del tempo

meteologo.jpg

Francesco Moser

moser001.jpg

Rubrica: tecniche di restauro

001.jpg
La visione solo utenti registrati

Accessori e ricambi d'epoca

La visione solo per utenti registrati.

Ciclismo estremo

giulianocalore001.jpgsimone003.jpg
  
 
 
 

Videoteca Bici D'Epoca

 
video.png

Videoclip: Vendesi Bici Squadra Corse Bianchi 1954

Pedalando sempre più in alto.....

Vendesi bici della Squadra Corse Bianchi 1954

    Vendesi  bici Bianchi della Squadra Corse Bianchi 1954 (N° telaio 99.9033 cm 54x54) La bici con cui corse Michele Gismondi ....fedele gregario di Faus...
Read More ...

Nuove Maglie Vintage

Vendonsi Nuove Maglie Vintage ...
Read More ...

Vendonsi maglie d'epoca (repliche)

      Vendonsi   Maglie d'Epoca (repliche)   ante anni '30     Abbiamo disponibili maglie vi...
Read More ...

Syndication

CB Online

Nessun utente online

Bici d'Epoca

Pedalando nella storia

copertina.gif
La visione utenti registrati
Home
Giovanni Gerbi: " il Diavolo Rosso" PDF Stampa E-mail
000001.jpg

 

 

 

 

1907, IL DIAVOLO IN CASTIGO

A centotre anni dall’edizione numero 3 del giro di Lombardia rievochiamo il personaggio di Giovanni Gerbi vincitore ma poi squalificato per i trucchi messi in atto ai danni dei Francesi.
 
di C.Delfino - G.Petrucci
 
gerbi002.jpg
  Sanremo 1907 Gerbi solitario dopo la discesa del Turchino
 
Centotre anni fa, nel 1907, il corridore italiano più popolare si chiamava Giovanni Gerbi. Nato nel 1885 ad Asti, era soprannominato il “Diavolo Rosso”. 
 
Vulcanico ed impetuoso, testardo e generoso, coraggioso ai limiti della temerarietà, machiavellico quanto diabolico anche nelle sue dichiarazioni storiche: “il fine giustifica i mezzi” e “pur di vincere passerei anche sul corpo di mia madre”. Indossava in corsa un vistoso maglione purpureo che lo rendeva facilmente distinguibile dagli avversari, esaltando la sua visibilità tra i tifosi la cui immaginazione venne più volte travolta dalle sue mirabolanti e diaboliche imprese.
 
Le vittorie di Gerbi, sin dagli esordi, non furono mai semplici successi casuali, legati magari ad una tattica utilitaristica. Eccellente fondista, ottimo passista, straordinario combattente ma praticamente “fermo” allo sprint, l’astigiano era costretto a vincere in solitario. Per questo entrò subito nel cuore dei tifosi: sempre all’attacco, incapace di correre al coperto, percorse certamente più chilometri in fuga da solo che in gruppo.
 
gerbi001.jpg 
 foto ritratto di Giovanni Gerbi
 
La sua tattica, come raccontava lui stesso, era semplicema complicata: doveva assolutamente staccare tutti. I suoi trionfi aumentarono esponenzialmente la sua fama, ben sorretta da giornalisti e “suiveurs” che avevano bisogno di un personaggio ai limiti del Mito per promuovere lo sviluppo del nostro movimento ciclistico.Agli inizi del Novecento la bicicletta aveva praticamente vinto la sua lunga e difficile battaglia con il cavallo quale mezzo di trasporto più veloce: le imprese di Gerbi accentuarono questa differenza, lanciando definitivamente il mondo delle due ruote nel nostro paese, sia dal punto di vista agonistico che industriale.
 
Più che il numero delle vittorie, a favore di Gerbi parlano i distacchi inflitti agli avversari. Ventidueminuti nella “Milano-Torino” del 1903 quando, appena diciottenne, in una giornata di pioggia torrenziale, giunse al traguardo talmente in anticipo sull’orario previsto da non trovare neppure issato lo striscione d’arrivo! Ventiquattro minuti nella “Corsa Nazionale” del 1905 (340 km a cavallo tra Piemonte e Lombardia), nonostante una brutta caduta ed una conseguente ferita alcapo che lo costrinse a proseguire la gara insanguinato e fasciato da un turbante, come un fachiro.
 
Quaranta minuti nella prima edizione del “Lombardia”, ancora 1905, dove staccò tutti già a Lodi,approfittando del caos provocato dall’attraversamento dei binari del tram (punto nevralgico che lui aveva appositamente studiato nei giorni di vigilia), arrivando al traguardo dopo ben 200 km di assolo. Quarantadue minuti nel “Piemonte” 1906, quando costrinse gli avversari alla resa sulla salita di Cossato, a 150 km dalla conclusione.Ma fu proprio l’annata 1907, a rendere assoluto il suo Mito.
 
Nella prima edizione della “Milano-Sanremo”, battistrada solitario nella galleria del Turchino, viene raggiunto in Riviera da Garrigou e Petit-Breton, quest’ultimo suo compagno di squadra nella “Bianchi”. Nello sprint finale Gerbi pensa più ai soldi che alla gloria. Poiché Petit-Breton in caso di vittoria è pagato meglio di lui ed i premi verranno divisi, il “diavolo rosso” si mette a sua totale disposizione: all’ultimo chilometro afferra per la maglia Garrigou, bloccandone l’azione e consentendo a Petit-Breton di filare indisturbato verso il traguardo! Garrigou, furibondo, medita vendetta e la sua squadra (la “Peugeot”) se la lega al dito.
 
gerbi003.jpg
 
Sulla gazzetta del 6 aprile 1908 giorno successivo alla Sanremo, compare questa fantastica e originalissima pubblicità Peugeot. I Francesi sostengono di non aver corso la Classicissima 1908, appunto, per protesta contro i troppi sotterfugi e i trucchi delle case italiane e in particolare del Diavolo Rosso. Loro, i Francesi, per vincere non avrebbero bisogno di scorrettezze e furbate….
 
Ma Gerbi domina l’annata in un crescendo esaltante di trionfi: “Giro delle Antiche Province” (130 km di fuga, 22’ di vantaggio), “Corsa Nazionale” (scatto da finisseur a 5 km dall’arrivo), “Coppa Savona” (lanciato dal Colle di Cadibona), “Milano-Firenze” (assolo prorompente sulla Raticosa) e soprattutto “XX Settembre” (460 km da Roma a Napoli e ritorno,Ganna e Galetti staccati sulla salita di Itri) vedono il suo maglione rosso primo al traguardo, con gli avversari annichiliti dal suo strapotere.Ma la torta non è completa senza la ciliegina.
 
La stagione, come già consuetudine, si chiude con il “Lombardia” del 3 Novembre. Tutti aspettano Gerbi, anche Garrigou che cerca la rivincita del torto sanremese. L’impavido “diavolo rosso” si erge a paladino del ciclismo italiano nei confronti dei francesi che, da tempo, fanno la voce grossa, con la solita spocchia ed un pizzico di malcelato senso di superiorità. Stampa e tifosi alimentano la sfida, gettando benzina sul fuoco. Nei giorni divigilia Gerbi si allena sul percorso a più riprese, ricevendo incoraggiamenti e manifestazioni di affetto che sfiorano l’idolatria.
 
Molti facinorosi assicurano “massima disponibilità” ed il “diavolo” si accorda segretamente con alcuni sostenitori, preparando un dettagliato “piano di battaglia”.Il giorno della gara piove a dirotto. Gerbi attacca subito e rimane presto solo al comando. Venti secondi di margine: vantaggio poco rassicurante, urgono provvedimenti. Tra Legnano e Busto Arsizio si devono attraversare i binari della ferrovia. Gerbi supera il passaggio a livello ancora in testa ed il casellante, suo sfegatato tifoso, chiude subito i cancelli! Gli inseguitori trovano la strada bloccata, non riescono a frenare in tempo e si verifica una caduta generale.
 
Diversi “tifosi”invadono la strada, qualcuno spintona ed offende Garrigou, altri impediscono l’apertura dei cancelli. Organizzatori e “suiveurs” tardano a riportare la calma. Quando i cancelli vengono riaperti,Gerbi ha già 10’ di vantaggio. Inoltre è scortato da alcuni “allenatori” (tra cui il forte mezzofondista Mori) che favoriscono l’incremento della sua andatura. Non contenti, i tifosi seminano una moltitudine di chiodi appuntiti subito dopo il passaggio di Gerbi cosicché nelle retrovie non si contano forature e ritiri. Il battistrada ha via libera e, tra l’incontenibile entusiasmo di una folla straripante (si parla di circa 60.000 persone ai bordi della strada negli ultimi cinquanta chilometri!),dopo 180 km di fuga solitaria, giunge a Milano con 38’ di margine sul mai domo Garrigou.Ma i francesi, “Peugeot” in primis, stavolta non ci stanno. Non possono accettare un simile affronto.
 
Protesta e reclamo sono immediati. Il ciclismo italiano è ad una svolta fondamentale. Per la suacredibilità, per il suo prestigio, per il bene di tutto il movimento e delle manifestazioni, non può lasciare impunito un simile gesto, reiterato e talmente evidente. Gerbi è il Campione assoluto del nostro pedale ma non può passarla liscia. Serve il pugno di ferro. Un esempio che, una volta per tutte, faccia capire come non sia più consentito oltrepassare il limite della sportività. Nei primi anni del XX secolo le gare ciclistiche, anche all’estero, spesso sfuggivano ai controlli dei giudici:trucchi, accorciamenti di percorso, seminagione di chiodi, scie da auto e moto, scorrettezze, erano all’ordine del giorno.
 
Nel “Tour” del 1904 i primi cinque della “generale” (tra cui il mitico Garin)vennero squalificati per i troppi inganni perpetrati in corsa. Gerbi, paradigma delle diavolerie, cade nella rete come un pesce pregiato, gustoso e prelibato.Interrogatori, indagini, discussioni e tentativi di riconciliazione durano tutta la notte. Lo stesso “diavolo rosso”, in un tardivo e grottesco tentativo di salvare la reputazione compromessa,dichiara di essere all’oscuro di ogni macchinazione dei tifosi, rilanciando una sfida immediata ai francesi sullo stesso percorso del “Lombardia”. Ma la Giustizia è veloce quanto inflessibile.
 
La mattina del 4 Novembre la Giuria emette il suo clamoroso verdetto. Gerbi è estromesso dall’ordine d’arrivo, vittoria assegnata a Garrigou! Da un punto di vista regolamentare la decisione non fa una grinza. Ma lascia strascichi imprevedibili: l’UVI decide di inibire Gerbi per due anni! I tifosi sono in tumulto, la ribellione supera ogni previsione.
 
Si susseguono cortei e manifestazioni popolari a difesa del “diavolo rosso”, si aprono petizioni per “ristabilire la verità”, le copie della “Gazzetta” (presa di mira come artefice principale della volontà di punire l’astigiano) vengono date alle fiamme non appena giungono nelle stazioni ferroviarie piemontesi; da più parti si minacciano ulteriori incidenti durante le gare della prossima annata. Niente da fare: nonostante l’accorato movimento di opinione in suo favore, il “diavolo” rimane in castigo. La nuova stagione inizia senza di lui.Ma, a furor di popolo e per evitare peggiori conseguenze, giunge il solito “compromesso all’italiana”, arte nella quali siamo maestri indiscutibili.
 
Nel Marzo 1908 il “castigo” viene ridotto a soli sei mesi ed in giugno Gerbi torna a gareggiare e a rivincere, con qualche incertezza di troppo,gare importanti come “Corsa Nazionale”, “Piemonte” e “Roma-Napoli-Roma”. Ma è il suo canto del cigno e dalla stagione seguente, proprio quando nasce il “Giro d’Italia”, il suo nome inizia a sparire dai primi posti degli ordini d’arrivo.Rimane pero il suo Mito di Campione straordinario, amante dell’iperbole e dell’impresa, incapace di nascondersi nella massa, “fuggitivo” per eccellenza della nostra era eroica.
 
Un atleta dalla potenza smisurata, consumata in una carriera breve ed altalenante rispetto ad altri contemporanei,ma certamente brillante di una luce vivida e sfavillante. Un corridore unico ed irripetibile, i cui trucchi ed inganni, se paragonati a quelli di oggi, regalano un sorriso e lasciano più di un rimpianto.Perché cent’anni fa tutto era diverso, più “naif”, più estemporaneo, più “naturale”, se vogliamo.Non possiamo certo sperare che ritornino i tempi del “diavolo rosso”. Ma che diminuiscano gli inganni, quello sì: lo vogliamo tutti.
 
< Prec.   Pros. >